Archivio

Archive for the ‘Pensieri personali Ricky’ Category

WPC2017 – CLI over platforms

Ok! Anche quest’anno WPC è terminata… Anche per quest’anno ho potuto vivere una stupenda esperienza sul palco di WPC!

Tante emozioni, difficili da descrivere, condensate in 3 giorni, che ti restano dentro. Questa conferenza è un momento di crescita importante ed ogni anno si guadagna qualcosa, soprattutto dalle persone presenti.

Un ringraziamento allo staff di Overnet (@OverNetE), a Michele Sensalari (@ilsensa7), Francesco Diaz (@francedit), Roberto Freato (che prima o poi aprirà un account twitter!!!), Fabio Franzini (@franzinifabio) ed Alessandro Appiani (@AlexAppiani) per l’opportunità di salire di nuovo sul palco! Grazie ai partecipanti con cui siamo riusciti anche a divertirci nei momenti di pausa e (lo ammetto) mentre scattavo fotografia e tutti!!!

Annunci

Windows 10 Creators Update…sta arrivando!!!

Tra pochi giorni arriverà l’aggiornamento “Creators Update” di Windows 10, saranno presenti molte novità tra cui il supporto alla mixed reality ed al mondo del 3D. L’annuncio è stato pubblicato dal team di Windows Insider al seguente link: https://aka.ms/qp5xz0

PowerShell compie 10 anni!!!

Per chi fosse interessato a festeggiare il compleanno di Windows PowerShell il giorno 14 novembre sarà possibile seguire l’evento della celebrazione in live stream su Chanel9!

A questo link troverete le indicazioni per registrarvi| https://blogs.msdn.microsoft.com/powershell/2016/11/08/join-the-powershell-10th-anniversary-celebration/

Buono scripting a tutti!!! J

Lo sport cede il passo alla violenza…un’altra volta…

Ho giocato a calcio, ho praticato sport, mi è stato insegnato che la cosa più importante è divertirsi “tutti insieme”… Questo ed altri insegnamenti li ho imparati sia dai miei genitori sia dai dirigenti che nel tempo mi hanno accompagnato, ma nessuno mi ha mai detto che “odiare” l’avversario o la tifoseria avversaria fosse qualcosa di “giusto”, anzi, il rispetto era (ed è ) posto davanti a tutto!!!

http://www.gussagonews.it/bomba-carta-gussago-calcio-rivendicazione-odio-bg-gennaio-2016/

Il fatto accaduto ieri è l’ennesima dimostrazione che lo sport, per taluni, è divertimento odio e violenza. Che insegnamento possono trarre i bambini da questi gesti compiuti dagli adulti??? Che esempio è mai questo???

Mi pare che il buon senso sia andato perduto… non ci sono state persone ferite (o peggio), il colpo lo accusa lo sport ed i principi che porta con sé…

Windows Server 2016 Technology Preview 3

Ed ecco Windows Server 2016 Technology Preview 3… installato usando i parametri di default del supporto…

La mia prima curiosità, quando un nuovo sistema operativo server viene rilasciato (anche se in preview) è di capire come risponderà l’infrastruttura di dominio. Quindi il primo passo sarà rendere la macchina un domain controller.

Devo dire che mi sono trovato un poco spiazzato dalla “finestra di logon”, non mi aspettavo di fornire le credenziali in un prompt dei comandi!!! Quindi ora abbiamo una Windows Server CORE sotto tutti i punti di vista J

Una piccola impostazione al registro di sistema, giusto per impostare PowerShell come console predefinita, e poi…lo eleviamo a domain controller! Per impostare la console predefinita su PowerShell è necessario, innanzi tutto, eseguire PowerShell e poi digitare il seguente comando:

Set-ItemProperty
-Confirm
-Path
“HKLM:\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\WinLogon”
-Name
Shell
-Value
‘PowerShell.exe -noExit’

Al successive riavvio potremo beneficiare delle potenzialità di PowerShell

Dopo il caricamento dei binaries di Active Directory Domain Service e la promozione a domain controller della macchina (e riavvio, chiaramente), ho dato un occhiata agli oggetti di sistema. La mia foresta era già in modalità “WindowsThresholdForest” ed anche il livello funzionale del dominio è aggiornato a “WindowsThresholdDomain”, non ho notato cambiamenti nello schema, quindi direi che si può iniziare a lavorare con l’infrastruttura di dominio senza pensarci troppo.

Ora, siccome gli amanti dell’interfaccia grafica vorrebbero cliccare sulle icone per eseguire le operazioni più comuni, col seguente cmdlet ed un poco d’attesa sarà possibile caricare Windows Explorer e quindi le console di gestione ed il resto della GUI.

Install-WindowsFeature
Server-Gui-Shell,Server-Gui-Mgmt-Infra
-Restart -Source:WIM:D:\Sources\install.wim:2

 

Come evidente, essendo partiti in modalità Core non avremo a disposizione immediatamente le console di amministrazione, vanno caricate da Server Manager.

Se, come me, aveste variato la shell predefinita della modalità Core dovrete eseguire il cmdlet di PowerShell per impostare Windows Explorer come shelle predefinita. Il cmdlet da eseguire è il seguente:

Set-ItemProperty
-Confirm
-Path
“HKLM:\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\WinLogon”
-Name
Shell
-Value
‘explorer.exe’; logoff

Così facendo al successive logon la shell sarà reimpostata.

Ci sarebbero ancora molti argomenti da trattare, ma il mio intento era solamente mostrare Windows Server 2016 Technical Preview 3 nella sua installazione “base” ed i primi passi per configurare il sistema.

Buon lavoro a tutti!

Buon Natale!!!

PaesaggioNatale

Che questo Natale porti per nelle case felicità e gioia, e sia preludio di un anno nuovo prospero e sereno.

Auguri! Buon Natale e sereno anno nuovo!!! Sorriso

Solo in Italia accade…

msn_skullOrmai da tempo sto assistendo a sconfortanti, ridicoli e, perchè no, divertenti controsensi informatici. Troppo spesso dai clienti, e confrontandomi con tecnici di software house, mi sento fuori luogo, avanguardista e futurista poichè tendo ad utilizzare i prodotti più recenti disponibili sul mercato mentre chi si dovrebbe occupare di portare soluzioni nelle aziende si occupa prevalentemente di proporre archeologiche soluzioni.

Durante la migrazione di un server l’installatore del gestionale ha osservato che la macchina nuova (Xeon EsaCore, 12 GB ram, dischi SAS 15k rpm 6Gb/s) è meno performante rispetto a quella che lui ha venduto 2 anni fa (Xeon DualCore, 4GB ram, dischi SATA 7200 rpm 1,5 Gb/s). Sicuramente l’oggettività di aver mancato una vendita porta a sminuire il lavoro altrui, ma spingersi fino a questo punto direi che è indicatore di mancanza di buon senso!! Aggiungiamo elementi allo scenario… Il vecchio server monta Windows SBS 2003 R2 (su cui è stato installato solo il sistema operativo, Acrive Directory ed un Microsoft SQL 2005 Express), nessun accorgimento per il salvataggio dati, zero protezione di rete e nessuna politica di gestione dei dati. Il nuovo server ha Windows SBS 2011 con tutti i pacchetti installati (sistema operativo, Active Directory, Exchange 2010, SharePoint 2010, Monitoring e WSUS ed un’istanza di Microsoft SQL Server 2008 R2 Express, quindi ci sono formalmente 4 istanze di SQL operative), criteri di protezione attivi su tutte le macchine, protezione dei dati a livello di filesystem, sistema di backup con le necessarie politiche di gestione. Questa struttura deve soddisfare 4 utenti, che hanno tratto benefici dalle attività che ho svolto col nuovo server quindi sarei propenso a sostenere che la selezione dei dispositivi è stata pienamente azzeccata.

Passiamo al software… la questione diventa anche più delirante. Ad oggi, acquistando un nuovo pc, il sistema operativo proposto è Windows 8 x64 ed MS Office 2010. Onestamente, ed oggettivamente, coloro a cui ho proposto e portato soluzioni basate su questi prodotti si stanno trovando a loro agio ed hanno anche migliorato la loro operatività… estrema soddisfazione personale!!! Peccato che questo mio stato d’animo venga regolarmente guastato dai software prodotti in Italia che, in moltissimi casi, stentano ad essere compatibili con Windows XP!! Ora, mi domando, ma Microsoft perchè rilascia le beta dei suoi prodotti??? Forse, anche, per consentire ai programatori di prepararsi alle innovazioni, penso io… Quindi, perchè le software house continuano a chiedere di installare client con Windows XP ed office 2003?? Non mi capacito di questo, sono passati 10 anni dal rilascio di quei prodotti, perchè I programmatori non si aggiornano??? Hanno paura di non essere preparati?? Per questo ci sono società come Overnet Education che erogano corsi!

Sempre durante la migrazione dello SBS2011 l’installatore (che vanta decennale esperienza nell’IT), a fronte di una palese problematica del paccheto di installazione (mancavano dei files dei prerequisiti), ha chiesto “Ma sei sicuro di aver installato e configurato correttamente il DNS Server? Sai, il software non si installa perchè la risoluzione dei nomi macchina non funziona correttamente!”… Che dire… unica possibile risposta… “Non funzionasse il DNS temo che ci sarebbero le urla degli operatori che trapassano i timpani ed il tuo download non sarebbe manco iniziato!”. Ma in che cavolo di realtà IT stiamo finendo??? Sono qui che sto scrivendo un post su System Center Configuration Manager per migliorare le attività di deployment dei sistemi e mi trovo nella condizione di dover installare dei pacchetti legacy (raddoppiando I tempi di risposta) solo per lacune altrui??? Forse devo rivedere un poco i mie canoni, ma molti, a mio avviso, devono aggiornarsi ed iniziare a lavorare per recuperare un gap di oltre 10 anni!! Anche se il periodo non è florido per le aziende l’innovazione e l’ammodernamento delle infrastrutture non si ottengono con arcaici ragionamenti, le scelte conservative possono anche pagare ma non possono portare miglioramenti o sviluppi! Come continuo a dire alla software house di un cliente: “sveglia!!! siamo nel 2013 ed i floppy disk non li forniscono più!!”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: